Dropshipping

Aprendo il mio negozio di Dropshipping in sei passi

Anche se si tratta di una modalità abbastanza semplice nell’ambito dell’e-commerce, aprire un negozio dropshipping richiede uno sforzo notevole, se si vuole iniziare con basi solide.

Non è solo per essere soddisfatti dello scarso investimento economico che deve essere fatto per mettere in funzione un negozio di questo tipo, dobbiamo sapere e conoscere, quali sono le nicchie di mercato dove avremo un migliore margine di profitto, per questo motivo, il lavoro investigativo e di aggiornamento permanente delle conoscenze è la chiave per fare del nostro business una unità corrente.

Beh, entriamo nel merito della procedura per aprire il mio negozio online di dropshipping:

  1. Selezionare una promettente nicchia di mercato

È super importante avere la maggior parte delle informazioni a portata di mano, che sono i segmenti di mercato in cui abbiamo una maggiore probabilità di successo con il nostro business. Un buon modo per riconoscerlo è attraverso i processi di ricerca su google, ad esempio.

  1. Ricerca e selezione dei fornitori

Potremmo dire che questo è forse il punto più importante. Il fornitore o dropshipper ha il compito di far sì che i nostri clienti si fidino di noi.  Purtroppo questa è una responsabilità che viene delegata al dropshipper, ma è attenuante se ci mettiamo in contatto e ci colleghiamo con fornitori che hanno una reputazione consolidata, in quanto questa è una garanzia di buon servizio. Una volta che è chiaro chi saranno i nostri fornitori, è importante chiarire tutte le minuzie del nostro rapporto commerciale per evitare disagi in futuro.

  1. Registrare un nome a dominio

Questa fase è importante anche perché è quella che ci garantirà la capacità della nostra pagina web, in modo da essere ben posizionati nei motori di ricerca, una buona selezione di parole chiave sarà sicuramente di grande aiuto.

  1. Assumere i servizi di un fornitore di negozi elettronici

Anche se questa fase è facoltativa, il noleggio dei servizi di queste piattaforme consente di risparmiare tempo, denaro e mal di testa.  Richiedono un canone mensile e consentono l’aggiornamento permanente dei contenuti, soprattutto per quanto riguarda i cataloghi di vendita.

  1. Inizia a caricare i prodotti sul tuo sito web

È il momento di iniziare a caricare i cataloghi dei prodotti che stiamo per offrire. Alcuni specialisti del settore affermano che una buona idea non è quella di caricare tutti i vostri prodotti, almeno fino a quando non iniziate a ricevere feedback dai vostri primi clienti.

  1. Progettare una buona strategia di marketing

Questo è il punto in cui abbiamo bisogno di che il nostro sito web abbia più traffico possibile, quindi possiamo sviluppare varie strategie come il pay per click, il content marketing, i post del forum, i blog e i gruppi di discussione, l’uso dei social network, le email e così via.  L’idea è quella di provare diverse strategie per consolidare quella che genera i migliori dividendi in termini di traffico sul nostro sito web.

Articoli che possono essere di vostro interesse: